Search
Generic filters

Sweden

Klubber

Introduzione alla maglia Sweden retro La maglia Sweden retro è un’icona indiscussa del calcio svedese e una delle divise calcistiche più amate dagli appassionati di questo sport. Le maglie retro rappresentano un vero e proprio tributo alla storia e alle tradizioni calcistiche di un paese, e quella svedese non fa eccezione. La Svezia è una […]

2024-25 Sweden Home Shirt

94.99£ - ca: 111 €

2024-25 Sweden Away Shirt

94.99£ - ca: 111 €

Introduzione alla maglia Sweden retro

La maglia Sweden retro è un’icona indiscussa del calcio svedese e una delle divise calcistiche più amate dagli appassionati di questo sport. Le maglie retro rappresentano un vero e proprio tributo alla storia e alle tradizioni calcistiche di un paese, e quella svedese non fa eccezione.

La Svezia è una nazione con una grande tradizione calcistica, nonostante non sia tra le principali protagoniste del calcio internazionale. Conosciuta con il soprannome di “Blaugult” (gli Azzurri-Gialli), la nazionale svedese può vantare numerosi successi e partecipazioni a competizioni di alto livello, tra cui la vittoria ai Giochi Olimpici del 1948 e il secondo posto ai Mondiali del 1958.

In questo articolo esploreremo alcune delle particolarità delle maglie retro svedesi, così come approfondiremo alcuni aspetti rilevanti della storia calcistica del paese, dai suoi colori sociali ai suoi giocatori storici e stadi.

La storia della maglia Sweden retro: i colori e i simboli

La maglia Sweden retro è caratterizzata dai colori azzurro e giallo, i colori della bandiera nazionale svedese. La divisa classica consiste in una maglia azzurra con dettagli gialli, pantaloncini gialli con dettagli azzurri e calzettoni azzurri. In alcune versioni storiche, la maglia presentava anche il tradizionale colletto svedese, un’icona del calcio di questo paese.

Una delle peculiarità delle maglie retro svedesi è la presenza dell’emblema della Federcalcio svedese (SvFF), rappresentato da un’aquila con tre corone. Questo simbolo è stato adottato dalla nazionale svedese a partire dagli anni ’50 e ancora oggi è presente sulle divise del team.

Il calcio svedese: storia e successi della nazionale

Il calcio è uno degli sport più seguiti e amati in Svezia, tanto da essere considerato il “sport nazionale”. La storia del calcio svedese risale al 1896, quando venne fondata la Federazione calcistica di Svezia (SvFF), una delle più antiche al mondo.

La nazionale svedese ha ottenuto diversi successi nel corso della sua storia, tra cui la medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Londra nel 1948, la vittoria del Campionato mondiale FIFA Under-17 nel 2013 e la terza posizione ai Mondiali del 1994 negli Stati Uniti.

Tuttavia, il momento di maggior prestigio per il calcio svedese fu il Campionato mondiale del 1958, quando la Svezia ospitò la competizione e giunse fino alla finale, perdendo contro il Brasile di Pelé e Garrincha, ma conquistando comunque un meritato secondo posto.

Gli stadi svedesi e la passione per il calcio

Lo stadio più famoso della Svezia è il Friends Arena, inaugurato nel 2012 e situato a Solna, un comune vicino a Stoccolma. Questo impianto ha una capacità di 50 000 spettatori ed è la casa della nazionale svedese e di alcuni club locali. Ha sostituito il celebre Råsunda Stadium, che fino al 2012 era il principale luogo di incontri di calcio in Svezia.

Altre arene di rilievo in Svezia sono il Tele2 Arena, condiviso dai club di Stoccolma Hammarby IF e Djurgårdens IF, e il Gamla Ullevi a Göteborg, dove si disputano le partite del Göteborg, uno dei club più titolati della Svezia.

I giocatori storici della Svezia

Nella lunga storia della nazionale svedese, diversi giocatori si sono distinti per il loro talento e le loro prestazioni, contribuendo a consolidare la reputazione del calcio svedese a livello internazionale. Tra questi, alcuni nomi degno di nota includono:

1. Gunnar Nordahl: attaccante svedese che ha militato principalmente nelle file del Milan negli anni ’50, vincendo cinque titoli di capocannoniere della Serie A e due scudetti. È tuttora il miglior marcatore della storia della nazionale svedese, con ben 43 gol in 33 partite;

2. Gunnar Gren: uno dei membri del celebre trio “GreNoLi” insieme a Gunnar Nordahl e Nils Liedholm. Attaccante e centrocampista, ha giocato per il Milan e la Fiorentina, vincendo due scudetti nel periodo 1949-1955;

3. Nils Liedholm: altro membro del “GreNoLi”, viene ricordato come uno dei migliori centrocampisti della sua generazione. Ha militato nel Milan dal 1949 al 1961, vincendo quattro titoli di campione d’Italia e una Coppa Latina;

4. Thomas Ravelli: portiere storico della nazionale svedese, con 143 presenze in maglia giallastra è il secondo giocatore con più partite disputate dietro solo ad Anders Svensson. Ha disputato quattro Mondiali, tra il 1990 e il 2002, e due Europei, nel 1992 e nel 2000;

5. Zlatan Ibrahimović: probabilmente il giocatore più famoso e talentuoso della storia del calcio svedese, ha militato in alcuni dei migliori club europei e vinto numerosi titoli nel corso della sua carriera, sia nazionali che internazionali. Con 62 gol in maglia svedese, è il secondo miglior marcatore della nazionale dietro a Gunnar Nordahl.

In conclusione, la maglia Sweden retro è un simbolo di orgoglio e passione per i tifosi svedesi e gli appassionati di calcio in generale. Un pezzo di storia che rievoca i successi del passato e ci riporta indietro nel tempo alle gesta dei grandi campioni che hanno vestito la maglia della nazionale svedese nelle varie competizioni internazionali.